cover progetto carcinoma ovarico

Il mondo della cronicità è un’area in progressiva crescita che coinvolge sempre più anche il paziente oncologico.
La gestione della cronicità richiede, di conseguenza, un notevole impegno di risorse e continuità di assistenza in una logica di forte integrazione di servizi T-H-T.

Progetto sponsorizzato con il contributo con condizionato di:

Razionale

La gestione integrata e sinergica del paziente oncologico nei diversi setting di cura concorre ad evitare:       

  • Accessi PS/UU.OO. inappropriati per patologia oncologica già diagnosticata
  • Elevati costi del paziente ri-ospedalizzato a causa di effetti collaterali della terapia non tempestivamente e/o adeguatamente gestiti 
  • Scarsa aderenza del paziente/caregiver nella gestione della terapia al domicilio
  • Scarse e frammentate informazioni circa ruoli e responsabilità nella gestione della patologia.

Il contesto di riferimento

  • 5300 tumori ovarici epiteliali stimati per il 2020 in Italia, con una prevalenza intorno al 2% e una sopravvivenza a 5 anni attestata tra il 2000-2004 intorno al 41% . 
  • Picco di incidenza tra i 55 e 65 anni di età. 
  • 20%  dei tumori ovarici è ereditario a causa della mutazione di BRCA 1-2 

Nelle fasi iniziali spesso è asintomatico e può associarsi  a gonfiore e dolore addominale.

Il trattamento è chirurgico anche negli stadi avanzati ed è seguito dalla chemioterapia.
Il trattamento dei pazienti mutate di BRCA 1-2 si avvale di un nuovo farmaco usato in mantenimento dopo la chemioterapia che migliora la sopravvivenza.

Spesso si associano comorbilità che meritano assidui controlli in corso di terapia e follow up.

Strategia

  • Presa in carico efficiente, efficace ed integrata con il Territorio, che concorra al miglioramento della Qualità della Vita del paziente oncologico tramite un’assistenza H24
  • Utilizzo dell’App Kerubin quale strumento di comunicazione e di ascolto medico - paziente anche al domicilio al fine di una corretta e tempestiva gestione degli eventi correlati al trattamento (reazioni avverse, sintomi, ..) e di verifica dell’aderenza alla terapia
  • Misurazione dati appropriatezza (es. accessi in PS,   Qualità della Vita, segnalazioni di Farmacovigilanza, ...), aderenza terapeutica e impatto economico correlato
  • Implementazione di un sistema di monitoraggio di dati Real Life

Obiettivi del progetto

  1. Monitorare la QOL dei pazienti in corso di terapia
  2. Intercettare gli eventi avversi di basso grado per evitare che diventino alti per ridurre gli accessi inutili agli ospedali e ai PS
  3. Permettere ai medici di ricevere un report costante sulle condizioni soggettive del paziente
  4. Produrre dati aggregati anonimizzati